Join Listal here 
Existing members 
Login here 
Join Listal to create lists, share images, get recommendations and much more
Review of Barton Hollow   

Review

0
36 Views   No comments
Sostenuto da un’incalzante accompagnamento di chitarra (con l’acustica che prevale) e segnato dalla tensione creata dall’alternarsi delle parti vocali, il brano che dà il titolo a questo esordio sulla lunga distanza dei Civil Wars è una delle canzoni da ricordare dell’anno 2011. Blues nella musica e nelle parole (‘I'm a dead man walking here’ è il primo verso), la canzone dispiega un fascino oscuro e magnetico che coglie di sorpresa l’ascoltatore. Sì, perché i restanti undici pezzi se ne discostano in modo netto, impregnati come sono di un suono folk d’alta scuola abilmente costruito attorno alle belle voci Joy Williams e John Paul White: sicuro e deciso lui, cristallina lei (con solo qualche tendenza a strafare), se fossero una coppia di chitarre sarebbero rispettivamente ritmica e solista. Inevitabile conseguenza è che la strumentazione abbia la spina quasi del tutto staccata: le elettriche fanno capolino qua e là, come nella conclusiva ‘Birds of a Feather’ – che è la più ‘rock’ del lotto, sia pure fra mille virgolette – oppure grazie all’utilizzo di una suadente pedal steel. Sarebbe allora difficile togliere qualcosa a questo lavoro, a partire dalla bella e orecchiabile ’20 years’ che lo apre: se e quando le sdolcinatezze sembrano eccessive (‘C’est la mort’ e la strumentale ‘The violet hour’, posta dopo ‘Barton Hollow’ quasi ad alleggerirne l’atmosfera) vengono subito compensate da suoni che si inseriscono senza fatica nel lato oscuro del folk. Ecco allora ‘I’ve got this friend’, ‘Poison & wine’ e la tesa ‘My Father's Father’ che è degna introduzione al brano eponimo: il tutto a dimostrazione di un’approfondita conoscenza della materia e della capacità di rielaborarla e farla propria con bella proprietà di scrittura e finezza di interpretazione. Pregi che finiscono per far sembrare il country di ‘Forget me not’ come l’episodio più debole del lotto: l’accurata esecuzione non riesce ad allontanare l’impressione di scolasticità al confronto di ballate ben più intriganti come ‘Girl With the Red Balloon’.
Avatar
Added by catcarlo 2 years ago
on 23 November 2011 10:39

Join listal and create your own lists and much more


Login or Signup to post a comment